Conoscere Sophie

Sono nata in una famiglia che ha sempre apprezzato il gusto delle belle cose e mi ha trasmesso la capacità di riconoscerle ed amarle. La mia educazione mi ha insegnato il savoir-vivre, l’arte del ricevere, i codici dell’eleganza e del lusso. Circondata da artisti, un papà incisore, una mamma creatrice di gioielli, una zia pittrice, uno zio restauratore per il museo del Louvre, una nonna ricamatrice, ho sviluppato una sensibilità per l’armonia dei colori, dei materiali che infondo in tutti i miei progetti. Passando le mie estati in campagna, ho studiato con attenzione il lavoro minuzioso di artigiani ebanisti, falegnami, tessitori e scultori. Mi sono dunque appassionata ai lavori manuali realizzando e vendendo delle miniature in pasta di legno, delle maschere di piume, cuoio, perle e cristalli.

Giovane donna, sono partita alla scoperta del mondo. Prima esperienza importante l’Argentina, Buenos Aires e i laboratori del teatro Maïpo. Mi sono dedicata alla trasformazione dei costumi di scena, alla tintura e lavorazione di piume di struzzo, alla creazione e realizzazione di maschere. In seguito sono stata l’assistente per le sue sfilate, di uno stilista diplomato all’Esmod ed ho creato accessori per la realizzazione di video pubblicitari nell’ambito della cosmetica. L’avventura è continuata negli Stati Uniti dove sono stata assunta come grafica da un prestigioso studio di comunicazione e pubblicità. La mia voglia di conoscere altre culture mi ha portata a vivere in India e in Giappone, arricchendo la mia conoscenza dell’arte e dell’artigianato orientale, oltreché il mio incredibile album di immagini e sensazioni. Non ho mai smesso di andare a caccia di tesori, frequentando mercatini delle pulci ed antiquari. Il mio talento ed il mio occhio di lince, mi permettono di scovare un tesoro nascosto nel mezzo del caos totale. Consigliera di stile e dunque maestra di messa in opera, mi formata sul campo ed ho affiancato sul lavoro i capomastri.

Era giunto quindi il momento in questo intenso percorso di vita, di sperimentare appieno i miei talenti di decoratrice e metterli a frutto per creare design d’interni. Forte di queste conoscenze, oggi metto a disposizione dei miei clienti, la mia visione creativa, la mia esperienza ed il mio savoir-faire.

Sophie Dessallien

Cosa vuol dire SoDess

SoDess è la contrazione delle prime sillabe del mio nome e cognome. Più che una firma, essa proviene dal periodo della mia vita in Giappone, dove “sou desu”, che si pronuncia come SoDess, è l’espressione usata nelle conversazioni tra due persone per sottolinearne l’intesa. Questo apprezzamento reciproco e questa prova di ascolto e considerazione, sono il fulcro della mia azienda.

Fushimi Inari-taisha, Kyoto